Cinque domande da farti prima di cambiare ambito di studi o lavoro
 | 

Cinque domande da farti prima di cambiare ambito di studi o lavoro

In questo articolo ti parlo delle cinque domande da farti prima di cambiare ambito di studi o lavoro, e dei fattori che dovresti tenere in considerazione per capire se è la scelta giusta per te.

Nessuna carriera è perfetta e ogni percorso lavorativo o di studio porta con sé aspetti positivi e negativi. Ma quando gli elementi negativi iniziano a sovrastare quelli positivi, significa che è arrivata l’ora di farsi qualche domanda e capire se la strada intrapresa fa davvero al caso tuo.

Secondo le statistiche di LiveCareer il lavoratore medio cambierà lavoro tra le cinque e le sette volte durante la propria carriera (e si prevede che questo numero aumenterà ancora di più nei prossimi anni). Quindi non preoccuparti troppo se realizzi di voler cambiare strada: è una situazione molto comune!

Quando ho scelto il mio corso di laurea triennale a diciotto anni, pensavo che quello che andavo a studiare (marketing), sarebbe stato ciò che avrei fatto per il resto della mia vita. La stessa cosa mi è capitata quando ho accettato il mio primo lavoro in start-up nel 2018. Ero convinta che sarei rimasta con quell’azienda per anni.

Invece, tre anni dopo, mi trovo in una situazione completamente diversa: ho cambiato (leggermente) strada lavorativa, sono ritornata in Italia, ho intrapreso altre attività (come il progetto twentyliving e la mia pagina dedicata al digital). Se vuoi saperne di più sulla mia vita post-laurea, ti consiglio di leggere l’articolo sulle cose che ho imparato a un anno dalla laurea.

Cosa voglio dirti con questa premessa? Che le cose cambiano, ed è normale. A diciotto anni avevo una visione completamente diversa del mondo e della vita, e ho scelto l’università in base a ciò che conoscevo (che era veramente poco).

Ogni esperienza fatta, dal primo esame, alla prima esperienza all’estero, al primo tirocinio, ha rappresentato un test per avvicinarmi sempre di più alla strada giusta per me. Allo stesso tempo, ogni esperienza ha cambiato leggermente il mio modo di pensare e di approcciarmi al mondo del lavoro, per cui quello che voglio adesso è molto diverso da ciò che volevo sei anni fa.

Nemmeno adesso mi sento ‘arrivata’. Non escludo che le mie aspirazioni e bisogni di carriera si evolvano di nuovo in futuro (anche in base a ciò che succede nel mondo del lavoro).

Cinque domande da farti prima di cambiare ambito di studi o lavoro.

Ma come capire se un cambiamento è la scelta giusta? Vediamo le cinque domande da farti prima di cambiare ambito di studi o lavoro.

Perché ho deciso di studiare/lavorare nell’ambito in cui mi trovo attualmente?

La prima cosa da capire è sicuramente la motivazione che ti ha spinto a ricercare questo ambito inizialmente, e comprendere se è stata una scelta dettata da interesse e passione verso l’area o se deriva da altri fattori.

Ecco gli elementi che non dovrebbero mai guidare (completamente) la scelta della tua carriera:

L’idea di avere uno stipendio alto

Il fattore monetario è sicuramente da considerare nell’individuare la carriera che fa per te, ma non dovrebbe essere l’unico fattore che guida la tua scelta. Ricorda che guadagnare tanto non significa necessariamente avere una carriera soddisfacente. Quello che fai giorno per giorno è molto più importante dello stipendio più o meno alto che ricevi a fine mese.

Scegliere a caso una laurea perché non avevi un’idea precisa di quello che volessi fare

Quando ci si diploma è normale non essere sicuri al 100% di quello che si vuole fare. Ma non dovresti mai scegliere completamente a caso. É importante pensare in modo ‘strategico’ sulla direzione verso la quale ti potrebbe portare un percorso di studi piuttosto che un altro. Se hai scelto un ambito senza un criterio preciso e ti sei accorto che non fa per te, dovresti sicuramente considerare di cambiare!

Aver scelto un ambito solo perché popolare

In maniera simile, aver scelto una determinata area solo perché popolare in quel momento non è una mossa giusta a lungo termine. Il fatto che la maggior parte delle persone abbia scelto quell’ambito non significa necessariamente che è il percorso adatto al tuo profilo.

Intraprendere il percorso che le altre persone (famiglia, parenti, società) ritengono giusto per te

Quando si è giovani e ci si affaccia al mondo dello studio e/o del lavoro per la prima volta, tutti sembrano sempre avere un’opinione su cosa è meglio per te.

Nella fase di scelta del percorso universitario, a me è successo proprio così: i miei genitori mi suggerivano una cosa, i miei amici un’altra, le ricerche su internet un’altra ancora! è normale essere confusi e lasciarsi influenzare.

Se hai quindi scelto unicamente in base ai fattori di cui sopra, considerare un cambio di rotta potrebbe essere la mossa giusta! A tal proposito ti consiglio di leggere il mio articolo sui consigli di carriera che non dovresti sempre ascoltare.

Perché non mi sento felice nello studiare/lavorare in questo ambito?

Quali sono gli aspetti che proprio non ti piacciono del tuo lavoro o percorso di studi? Ecco qualche fattore da considerare:

  • Non riesci ad appassionarti alla materia
  • Le attività giornaliere da fare non ti entusiasmano
  • Il tipo di ambiente in cui devi lavorare non rispecchia il tuo carattere
  • Hai difficoltà nello svolgere le attività/nello studiare e alcune cose proprio non ti riescono
  • C’è un’area che mi potrebbe interessare maggiormente?

Una volta che hai individuato quello che non ti piace del tuo settore attuale, pensa a ciò che ti potrebbe piacere di più.

Come trovare aree di maggiore interesse?

Cinque domande da farti prima di cambiare ambito di studi o lavoro

Dovresti considerare tre elementi fondamentali:

  • Fattore interesse: quello che ti piace fare nel tempo libero (hobby, passioni, interessi)
  • Fattore competenza: quello in cui sei bravo e/o ti riesce particolarmente bene
  • Fattore sostenibilità: quello per cui il mercato del lavoro è disposto a pagarti

Ma non limitarti a questa riflessione. Cerca di condurre dei piccoli esperimenti per capire se effettivamente ti troveresti meglio in un’altra area:

  • Prova a sentire persone che studiano/lavorano nell’ambito e chiedi informazioni
  • Chiedi a qualcuno che lavora nel settore se puoi fare qualche ora di ‘job shadowing’ (seguire le loro attività)
  • Prova qualche attività pratica per confermare che l’ambito nuovo sia giusto per te

Sono invidioso di amici/parenti che fanno un altro tipo di lavoro o studiano un’altra materia?

Se guardi a lavoro delle altre persone con un pizzico di gelosia, trattalo come un segnale di allarme. Significa che non sei pienamente soddisfatto della tua posizione attuale e c’è qualcosa nella vita universitaria/lavorativa degli altri che ti interessa e vorresti sperimentare per te.

Riesco a immaginare una carriera a lungo termine in questo ambito?

Se credi che fare il lavoro del tuo manager o capo non ti piacerebbe, evidentemente non vedi un percorso di carriera soddisfacente dove sei ora ed è arrivato il momento di cambiare!

Voglio cambiare ambito o semplicemente ruolo?

Non sempre la nostra insoddisfazione deriva dal settore in cui ci troviamo. Potrebbe anche darsi che dobbiamo semplicemente cambiare azienda! Ecco qualche segnale a cui prestare attenzione per capire se dovresti cercare una nuova azienda:

  • Il tipo di ambiente in cui lavori (cultura aziendale, orari ecc.) non rispecchia le tue attitudini
  • Non ti trovi bene all’interno del team
  • Non vieni valorizzato professionalmente (nessuno ascolta i tuoi feedback o idee)

Se questo articolo sulle cinque domande da farti prima di cambiare ambito di studi o lavoro ti è stato utile, iscriviti alla mia newsletter per rimanere aggiornato sui prossimi post e per ricevere consigli e risorse esclusive ogni settimana!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *