Lavorare in startup

Lavorare in start-up: pro e contro

In questo articolo ti parlo di tutto ciò che devi sapere sul lavoro in start-up e dei pro e contro da considerare. Affronterò sia i lati positivi che i lati negativi, in modo da sapere cosa aspettarti se sai considerando di lavorare in questo ambiente.

Lavorare in start-up è un’ottima opportunità per imparare nuove cose molto velocemente in un ambiente flessibile e stimolante. Non rappresenta una garanzia, ma è un ottimo modo per far partire la tua carriera.

La mia esperienza in start-up

Ho lavorato in start-up per circa un anno e mezzo, prima come tirocinante e poi in posizione full-time. In generale, per me è stata un’esperienza estremamente positiva che mi ha permesso di muovere i primi passi nel mondo del lavoro in un ambiente stimolante e dinamico.

Durante il mio percorso in start-up, ho svolto diversi ruoli e ho avuto modo di vedere da vicino i principali processi di business dell’azienda. Ho anche avuto la possibilità di portare a termini progetti importanti in autonomia, assumendomi la responsabilità delle attività. Non posso non menzionare poi la cultura aziendale, che è uno degli aspetti migliori dell’ambiente di start-up. Si entra a far parte di una vera e propria famiglia, dove i tuoi colleghi e i tuoi manager diventano amici. Insomma, sono contenta di aver iniziato il mio percorso lavorativo in una realtà come quella delle start-up.

Ci sono tuttavia alcuni aspetti da tenere in considerazione riguardo questo tipo di aziende, e nei prossimi paragrafi te li spiego nel dettaglio, al fine di farti capire se lavorare in start-up potrebbe fare per te oppure no.

Lavorare in start-up: tutti gli aspetti positivi

Contributo significativo all’azienda

In start-up, ogni membro del team può far sentire le proprie idee. Puoi infatti assumerti completa la responsabilità del tuo lavoro, e venire riconosciuto per i tuoi contributi. Inoltre avrai un vero impatto sulla performance dell’azienda. In generale, c’è un maggiore livello di responsabilità.

Carriera basata sui risultati

L’evoluzione della tua carriera è strettamente legata ai risultati che porti a casa, e non a quanti anni di esperienza hai. Questo significa che fare progressi in start-up è molto più semplice che in un’azienda stabilita, e che, se giochi le tue carte bene, in pochi anni potresti arrivare a ricoprire una posizione molto elevata.

Cultura aziendale

Le start-up sono solitamente composte da team piccoli. C’è la possibilità di conoscere tutti e di entrare a far parte di una vera e propria ‘famiglia’. Inoltre, l’azienda spesso presta molta attenzione al team-building e al coltivare una cultura coerente con la mission dell’azienda. L’obiettivo è lavorare per avere un impatto significativo e fare la differenza, e questo può essere estremamente motivante.

Altri elementi che potrebbero spingerti a considerare le start-up sono:

  • Possibilità di vedere diversi ruoli e imparare tanto
  • Flessibilità di orari
  • Lavoro da casa

Lavorare in start-up: alcuni elementi da tenere a mente

Sicurezza del lavoro:

Per quanto riguarda la sicurezza del lavoro, bisogna considerare che circa 11 start-up su 12 falliscono (studio di Startup Genome). Questo significa che il tuo lavoro dipende dalla sopravvivenza dell’azienda. Inoltre, visto che in genere in start-up i team sono piccoli, se non non contribuisci in modo significativo al business, il tuo ruolo potrebbe risultare inutile, e i fondatori potrebbero iniziare a vederti come un ‘peso morto’. Quindi è importante valutare se la tua posizione in azienda è un ‘esperimento’ (e quindi, rimarrai se l’esperimento andrà bene), o se è una necessità a lungo termine.

Per fare un esempio, se sei la prima persona ad occupare il ruolo di Recruiter, è improbabile che perderai il lavoro in quanto ricopri una funzionalità essenziale. Se invece vieni assunto come market analyst o growth hacker, è possibile che il tuo lavoro venga messo a rischio non appena ci saranno dei tagli da fare.

Stipendi in media più bassi

In genere gli stipendi per posizioni junior o entry level tendono ad essere più bassi in start-up che in una multinazionale o azienda affermata. Inoltre, fringe benefits e assicurazioni varie tendono a mancare. Le start-up cercano comunque di bilanciare questo potenziale lato negativo con altri benefici, principalmente relativi alla cultura e alla mission aziendale. Non è raro che ci siano incentivi come orari flessibili, eventi periodici di team building, iniziative per la formazione o crescita personale dei lavoratori, pranzi e snack gratuiti ecc.

Alta dinamicità

La start-up è un’azienda in fase di forte crescita. È quindi naturale che le cose cambino, e anche in fretta. Nel giro di pochi mesi, potrebbero esserci cambiamenti alla struttura aziendale, alla strategia, alla mission, o ai ruoli più importanti. Questa è sicuramente una cosa da tenere a mente: potresti entrare in azienda ricoprendo un certo ruolo, per poi dover passare ad altro o dover supportare altri team qualora ce ne sia bisogno. Non necessariamente si tratta però di un lato negativo, perché fare attività diverse è un’ottima opportunità di imparare cose nuove e uscire dalla tua comfort zone.

Pressione alta

Nelle start-up, ognuno svolge un ruolo critico per il successo dell’azienda. Mentre nelle multinazionali si lavora solitamente in team, e il tuo operato viene controllato più e più volte, in start-up sei molto spesso il solo responsabile di una certa attività e quest’ultima può avere enormi impatti (positivi o negativi) per l’azienda. Alcuni trovano questo tipo di ambiente stimolante, per altri potrebbe rivelarsi troppo stressante.

Se questo articolo sul lavorare in start-up ti è piaciuto, ti invito a iscriverti alla mia newsletter per rimanere aggiornato sui prossimi post e per ricevere consigli e risorse gratuite ogni mese!

Se stai cercando lavoro, non dimenticare di visitare la pagina “carriera” con tutti gli articoli dedicati a come trovare lavoro, colloqui e curriculum 🙂

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *