Come scrivere un curriculum efficace da neolaureato
 | 

Come scrivere un curriculum efficace da neolaureato

In questo articolo troverai una guida completa su come scrivere un curriculum efficace da neolaureato, che ti servirà per ottenere il tuo primo lavoro.

Il curriculum è uno degli elementi più importanti per la ricerca del lavoro. I responsabili delle risorse umane hanno a che fare con centinaia di CV per ogni posizione, dunque è essenziale che il tuo si distingua dagli altri.

Ma come fare a rendere il proprio CV accattivante? E soprattutto, come riempirlo quando si è appena laureati e l’esperienza è poca (o inesistente)?

Su internet sono presenti centinaia di template e consigli su come creare il “cv perfetto”, però le indicazioni specifiche per neolaureati sono poche. Quando mi sono trovata a cercare lavoro in Italia, e a mandare più di 10 curriculum al giorno alle aziende, ho faticato a trovare risorse utili e capire cosa stesse davvero funzionando.

Grazie al feedback delle stesse aziende con cui ho interagito, libri e guide varie trovate in inglese, e consigli di siti web come The Muse o The Balance Careers, ho raccolto abbastanza informazioni per creare un curriculum che funzionasse per la mia situazione professionale.

Cosa include questo articolo

Ho pensato di mettere insieme una guida che include tutto quello che ho imparato finora su quali fattori determinano un cv efficace, ovvero che viene selezionato dai recruiters. Spero che questa guida possa aiutare i neolaureati che stanno cercando lavoro in questo momento.

Inoltre alla fine dell’articolo troverai un workbook gratuito scaricabile che ti aiuterà a scrivere il tuo CV step by step.

Come scrivere un curriculum efficace da neolaureato: far promuovere un cv in 10 secondi

Per i ruoli junior o “entry level” (per cui non serve esperienza), le candidature possono arrivare a centinaia. È fondamentale che il tuo curriculum riesca a catturare l’attenzione dei responsabili HR in pochissimo tempo, superando il cosiddetto“10 seconds test”.

Questo test consiste semplicemente nel porsi la domanda: in dieci secondi il tuo CV verrebbe promosso da un recruiter?

Al fine di passare il test, ci sono due fattori da considerare: lunghezza e formato.

Lunghezza del CV

Per quanto riguarda la lunghezza, è essenziale lasciare il CV a una pagina. Solamente i professionisti con più di 5/10 anni di esperienza scrivono curriculum di più pagine. È facile cadere nella tentazione di inserire più competenze ed esperienze possibili, ma in realtà il segreto sta proprio nell’essere coincisi e includere gli elementi rilevanti per quella specifica candidatura.

Esempio: 

Il fatto che abbia lavorato alla biblioteca dell’università per sei mesi è sicuramente meno rilevante del mio tirocinio presso una start-up. Un potenziale recruiter preferirà conoscere le attività svolte durante il tirocinio che durante la mia esperienza da assistente bibliotecaria.

Grafica/Design del CV

Il design del curriculum è fondamentale per renderlo chiaro, leggibile ed esteticamente bello.

In Italia si tende ad essere ancora abbastanza conservativi per quanto concerne il CV, e sono molti i candidati ad usare formati standard europass.

Se da un lato curriculum eccessivamente creativi potrebbero essere penalizzati, cercare di rendere il design più interessante ed esteticamente “pleasing” non è affatto sbagliato, e anzi, potrebbe distinguerti dagli altri cento CV tutti uguali che passano sotto gli occhi dei recruiter.

Quindi si ai colori e qualche elemento di design, pur restando nei limiti.

Oggi è possibile trovare tantissimi curriculum online personalizzabili e completamente gratuiti. Canva è una delle piattaforme più popolari in cui trovare cv già pronti gratis, ma ci sono anche alternative a pagamento (dove otterrete dei cv unici e sicuramente molto più professionali), come Envato Market.

Vale la pena investire in una template a pagamento? Dipende. Se non hai tempo da dedicare alla parte grafica, comprare un template già pronto da professionisti ti garantisce un risultato ottimale. Inoltre, piattaforme come Envato garantiscono, per la stessa somma, l’accesso a tutte le risorse del sito, per cui potresti scaricare template per curriculum, cover letter, reference e tutto ciò che ti serve per la tua carriera in una sola volta. Se invece, hai unicamente bisogno del curriculum, e hai tempo a disposizione per perfezionarlo, piattaforme come Canva vanno più che bene.

Se fossi un recruiter, quale CV sceglieresti?

Come scrivere il CV perfetto
Curriculum 1
Come scrivere un curriculum di successo
Curriculum 2
Come scrivere il curriculum
Curriculum 3

Questi sono tre template che ho trovato su Canva (curriculum 2) e su Envato Market (curriculum 1 e 3).

Il curriculum 2 è molto semplice e chiaro, però è anche molto anonimo. Probabilmente, un cv del genere passerebbe inosservato, quindi lo inserisco alla fine della mia classifica.

Il curriculum 1 aggiunge un tocco di colore che rende l’intero layout decisamente più accattivante, però il resto del cv è formattato tutto nello stesso modo, il che lo rende un po’ “noioso” da leggere.

Il curriculum 3 è quello più attraente dal punto di vista grafico (in particolare, l’uso di barre colorate per rappresentare le diverse competenze è un modo chiaro e diretto per mostrare tante skills tutte insieme). Guardandolo, sono decisamente invogliata a leggerlo.

Anche la presenza della foto in un curriculum è un grande “dipende”: dipende dall’industria, dal ruolo, dalle indicazioni dell’azienda (che potrebbe specificare se bisogna allegare un cv con foto oppure no). Quindi informatevi bene riguardo alle convenzioni presenti per il vostro lavoro nello specifico. Se non ci sono particolari restrizioni, usare una foto o meno sta a voi.

I fattori importanti per scrivere un curriculum da neolaureato davvero efficace

Adesso che abbiamo catturato l’attenzione dei recruiter (passando con successo il test dei 10 secondi), come facciamo a passare la selezione successiva? Di seguito ti parlo dei fattori chiave che, oltre alla lunghezza e alla grafica, rendono il CV davvero efficace:

Formato e layout

Abbiamo già parlato del design, ma cosa ne è del formato vero e proprio? Dove vanno inserite tutte le informazioni e come si dividono le diverse sezioni? Solitamente un curriculum di stampo classico ha le seguenti sezioni:

  • Informazioni di base
  • Presentazione iniziale/Profilo
  • Formazione
  • Esperienza lavorativa
  • Competenze
  • Altri contenuti

Passiamo a vedere nel dettaglio le sezioni sopra presentate.

Contenuti – Informazioni di base

Le informazioni di base includono generalmente il tuo indirizzo, la tua email, numero di telefono, e link al profilo linkedin. È abbastanza difficile sbagliare con queste informazioni, basta inserirle tutte nella stessa sezione con un format omogeneo (magari aggiungendo delle icone).

Di solito queste info vengono posizionate vicino al nome.

Contenuti – Presentazione iniziale

La presentazione iniziale consiste in un piccolo paragrafo che mira a descrivere il tuo profilo e cosa stai cercando. Le domande a cui vuoi rispondere sono le seguenti: chi sono? Qual è la mia specializzazione/interesse principale? Cosa sto cercando?

Esempio

Neolaureato in economia con circa sei mesi di esperienza come tirocinante in ambito di digital marketing. Sono particolarmente interessato ai temi di online advertising. Al momento, sono alla ricerca di una nuova opportunità lavorativa in ambito e-commerce.

Questa descrizione riassume bene il profilo di un neolaureato che sta cercando la sua prima esperienza lavorativa. Ovviamente, la presentazione deve essere personalizzata in base all’annuncio per cui si fa la candidatura. In questo caso, il CV è ideale per un azienda e-commerce che sta cercando qualcuno con esperienza di marketing e specialmente interessato all’online marketing.

La sezione di presentazione iniziale deve essere la prima informazione (dopo nome e contatti) che i recruiter devono leggere, per cui è importante farla risaltare e inserirla in alto (o comunque prima di formazione/esperienza).

Contenuti – Formazione

Da neolaureato con poca esperienza, la formazione è la parte su cui bisogna davvero concentrarsi.

Devi mirare a far emergere le esperienze pratiche, come lavori/progetti di gruppo o collaborazioni con aziende, e le competenze raggiunte (certificazioni ottenute, strumenti o software usati ecc.). Attenzione, non fare una lista di tutti gli esami e le materie studiate, ma concentrati sulle skills specifiche che hai ottenuto e che ti rendono perfetto per quella posizione. 

Contenuti – Esperienze

Nessuna esperienza lavorativa rilevante da inserire nel CV? Non è un problema.

La cosa migliore per i neolaureati è inserire comunque le esperienze fatte, sottolineando le “skills trasferibili” acquisite svolgendo quelle attività. Con skills trasferibili si intendono tutte quelle competenze che possono essere usate anche nel lavoro per cui si sta facendo domanda, come problem solving, team work, organizzazione, capacità di imparare velocemente, capacità di lavorare sotto pressione e così via.

Ecco alcune idee di esperienze non troppo rilevanti per il lavoro, ma che vale comunque la pena inserire:

  • Tutoring e ripetizioni
  • Partecipazione ad associazioni culturali/studentesche
  • Attività sportive
  • Lavoretti vari (come l’esempio dell’assistente in biblioteca)
  • Organizzazione di eventi per la propria facoltà
  • Attività online (blogging, copywriting)
  • Attività di volontariato
Contenuti – Competenze

Una sezione relativa alle principali competenze è molto utile per i recruiters perché permette di capire molto velocemente se il candidato ha le skills richieste.

In questa sezione consiglio di elencare principalmente hard skills: capacità di utilizzo software/tecnologia o competenza di un particolare processo.

Se non hai ancora abbastanza competenze da inserire nel curriculum, ti consiglio di leggere i miei articoli su “le migliori piattaforme per seguire corsi online gratis” e “le competenze più richieste dalle aziende nel 2021“.

Altri contenuti

Sconsiglio di inserire altri contenuti perché difficilmente avrai spazio, e in ogni caso non vuoi distogliere l’attenzione dai contenuti principali. Tuttavia, potresti voler inserire una sezione sulle lingue che conosci e le certificazioni ottenute. Un’altra idea è inserire una sezione hobby e interessi.

Come adattare il curriculum all’annuncio di lavoro

Abbiamo finito lo scheletro del vostro CV, e adesso? L’ultimo step per scrivere un curriculum da neolaureato efficace è quello adattare ciò che abbiamo abbozzato allo specifico annuncio di lavoro che ci interessa. 

Il tuo curriculum verrà ignorato a meno che non rispecchi perfettamente il profilo che l’azienda sta cercando. Dunque ogni sezione deve combaciare con ciò che è scritto nell’annuncio.

Questo non vuol dire incollare le parole dell’annuncio sul curriculum. Basta far risaltare le competenze e le esperienze che meglio si prestano a quel lavoro.

Vediamo uno spezzone di un annuncio lavorativo di esempio e come possiamo abbinare il nostro curriculum ad esso.

Annuncio:

Requisiti:

Conoscenza di Google Analytics, Google Tag Manager e analoghi tool analitici

Ottima conoscenza di Excel e Tableau

Elevata affinità e interesse per il mondo e-commerce

Ottima conoscenza della Lingua inglese

Questo annuncio è perfetto per il nostro candidato, Giovanni, interessato all’e-commerce.

Ma Giovanni ha studiato economia (dunque ha fatto tanti esami di natura diversa) e ha completato un tirocinio in marketing (quindi potrebbe aver sperimentato con strumenti e aree diverse – da Photoshop e Indesign a all’email marketing).

Per il lavoro in esame, Giovanni deve far risaltare le competenze ed esperienze rilevanti richieste dall’annuncio. Il fatto che sia bravissimo con Photoshop o che durante la triennale abbia portato a termine un progetto sulla blockchain non è rilevante per l’annuncio, e potrebbe addirittura distogliere l’attenzione dalle competenze che hanno davvero importanza.

Per riassumere, hai a disposizione una sola pagina per convincere il recruiter a selezionare il tuo profilo. Riempila con le esperienze e abilità che ti rendono il candidato perfetto, piuttosto che con tutto quello sai/hai imparato.

Esempio di curriculum da neolaureato efficace

Per concludere voglio riportarti il curriculum del nostro Giovanni finito con tutte le dritte di questo articolo. Se vuoi usare questo template, vi rimando alla pagina di Envato Markets da cui l’ho comprato.

Scrivere il curriculum perfetto

Un workbook per scrivere il tuo curriculum efficace da neolaureato

Se ti senti un po’ confuso e dopo questo articolo lunghissimo, non sai da dove iniziare, puoi scaricare il mio workbook gratuito che ti aiuterà a scrivere il tuo CV passo passo.

Il pdf scaricabile contiene tutti gli step descritti in questo articolo e ti guida con domande specifiche che ti permetteranno di tirare fuori la candidatura perfetta!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *